Milano e Roma si posizionano in vetta alla classifica delle città preferite dagli studenti che scelgono l’Italia per svolgere la loro esperienza formativa all’estero.
Senza nulla togliere alle città più piccole come Firenze e Pisa che nel frattempo stanno guadagnando posizioni.

Sono tante le motivazioni che spingono a scegliere l’ateneo di una città piuttosto che di un’altra e, secondo alcune ricerche, Milano e Roma continueranno – almeno per il momento – ad essere le mete preferite dagli studenti.
Un recente studio di Study. EU ha stabilito tre fattori alla base della scelta di una città e sono: istruzione (45%) che riguarda la qualità della formazione universitaria; il costo (30%) che riguarda i costi generali che gli studenti si aspettano di pagare per vivere e per seguire le lezioni; Life & Career (25%) cioè la qualità della vita successivamente alla laurea.
In questa classifica l’Italia si trova nella top 10, con una percentuale del 60% per la capacità di attrarre gli studenti da tutte le parti del mondo.

La nostra amatissima capitale, nel 2017, ha accolto più di 9.000 studenti internazionali, grazie alla vastissima scelta di atenei, sia pubblici che privati, università generaliste come La Sapienza, Roma Tre, Tor Vergata e quelli più settoriali. Per quanto riguarda Milano, invece, sono presenti sette atenei (statale, Politecnico, Bicocca, Cattolica, Bocconi, Iulm e San Raffaele) e diverse strutture elevate.

Le iscrizioni alle università cominciate a maggio 2018 e dimostrano che nelle città più piccole, come Firenze e Pisa, le prenotazioni di case, camere o posto letto vengono fatte in anticipo, visto il numero più limitato di alloggi, mentre nelle città più grandi come Milano, Roma e Torino gli studenti verificano le disponibilità, ma preferiscono prenotare all’ultimo momento.

Anche nella realtà di CampusX ritroviamo la scelta di una meta rispetto ad un’altra: le richieste per Roma sono sempre maggiori rispetto alle altre città, Bari e Chieti.